Pubblicato da: Pedro | agosto 11, 2006

… e pelle morbida.

Scendere non è stato facile. Non è stato facile nemmeno decidere di scendere, ma la decisione l’ha presa per noi la valle di Paisco, che con dei nuvoloni neri e due tuoni ci ha convinti a “levare le tende”. All’una eravamo a casa, nonostante Iri, per le vesciche ai piedi fosse stata costretta a scendere a piedi nudi. Questa ragazza ha una forza interiore che fa paura.
Abbiamo cenato a casa mia e poi ci siamo fatti portare a cedegolo in modo da poter prendere il treno la mattina, per tornare a Brescia.
Abbiamo dormito insieme, nello stesso letto. Una pelle morbida, un candore negli occhi, movimenti lenti, brividi. E’ stato bellissimo, quasi surreale. Due volte bellissimo.
Il viaggio di ritorno in treno è scivolato via veloce, l’imbarazzo ha lasciato spazio alla complicità, come tra due persone che veramente si conoscono.
Il treno per Riccione era alle cinque e quarantacinque. Ultime ore insieme, con l’orologio che si avvicinava sempre più al distacco. Momento grigi di incertezze su quello che sarà, su cosa in realtà significavano questi 4 giorni.

Alla stazione, l’ultimo sguardo sorrideva.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: